SESSIONS

2nd International Forum on Architecture and Urbanism

TERRITORI FRAGILI / FRAGILE TERRITORIES

Paesaggi_Città/Landscapes_Cities_Architecture

PESCARA 8-9-10 NOVEMBER - PESCARA, Italy

SESSIONS DESCRIPTION / DESCRIZIONE DELLE SESSIONI


  • SESSIONE/SESSION 1: 

            PIAZZE DI CITTA' ADRIATICHE E IONICHE

           PUBLIC SQUARES IN ADRIATIC AND IONIAN CITIES


Coordinators/Coordinatori: Prof. Adriano Ghisetti, Prof. Marcello Villani, DdA, Pescara

Public spaces can be seen as occasions for design research and sources of identity in the city, but also as hubs of social and commercial interaction between different communities. The proposed theme focuses on history, on the characteristics and significances of historic centres in the Adriatic. Presentations should reconstruct the historic events that have determined similar interventions, highlighting characteristics of their architecture-composition. Above all, they should focus on the semantic complexity of works that continue to characterise and qualify many Adriatic settlements.

On the opposite shores of this internal sea, fundamental to historic developments to the present day, large and small urban settlements have often condensed centres of communal gathering in public spaces that also represent their identity. Based on local tradition, and in some cases on customs imported from abroad, this cultural approach has assumed diverse and often contrasting forms: closed and almost "introverted" public squares and others open toward the sea, almost as if they were intent on establishing a dialogue with other shores and other communities; public squares that are the result of centuries of stratifications, with irregular and flexible boundaries, or spaces that are the fruit of homogenous design conditions, focused on offering a unified system of open spaces.

In conclusion, the invitation is extended to research, both broad and geographically circumscribed, exploring a theme characterised by the complexity of the issues explored.

Spazi pubblici come occasioni di ricerca e luoghi identitari di disegno urbano, ma anche come poli della socialità e delle relazioni commerciali tra comunità diverse. Il tema proposto verte dunque sulla storia, i caratteri ed i significati di presenze nell'ambito dei centri gravitanti sul bacino adriatico. Fine delle relazioni dovrà essere ricostruire il percorso storico che ha determinato interventi di questo tipo, evidenziandone i caratteri architettonico-compositivi, ma soprattutto focalizzando la complessità semantica di realizzazioni che spesso, ancora oggi, caratterizzano e qualificano molti centri adriatici.

Sulle opposte sponde di questo mare interno, fondamentale per lo sviluppo storico fino all'età moderna, nuclei urbani grandi e piccoli hanno spesso voluto condensare negli spazi pubblici i baricentri di aggregazione comunitaria e di rappresentazione dell'identità cittadina. Sulla base di tradizioni locali ma anche talvolta di apporti esterni, questo approccio culturale ha assunto forme diverse, talvolta contrastanti: piazze chiuse, quasi 'introverse' e piazze aperte invece verso il mare, quasi ad istituire una sorta di ideale dialogo con altre sponde ed altre comunità; piazze risultanti dalla stratificazione secolare, con irregolarità di tracciato ed adattamenti flessibili oppure spazi frutto di impostazioni progettuali omogenee, finalizzate ad offrire un quadro unitario degli invasi.

In conclusione, l'invito si riferisce a ricerche, sia di ampio respiro che geograficamente circoscritte, relative ad un tema che trova nella complessità dei motivi in gioco il dato caratterizzante.



  • SESSIONE/SESSION 2:

TRANSIZIONI FRAGILI: CITTA', PIANI E PROGETTI DI RESILIENZA URBANA

FRAGILE TRANSITION. CITIES, PLANS AND PROJECTS OF URBAN RESILIENCE 


Coordinators/Coordinatori: Prof. Roberto Mascarucci, Prof. Piero Rovigatti, DdA, Pescara

The section will examine the experience of the last three decades - in terms of policies, plans, projects implemented or completed - by cities in the Adriatic Balkan region. Cities that have suffered the effects of the transition to the market economy (Balkan area) and the international economic crisis. Today they face and try to adapt to the post-fossil transition and adaptation to climate change. There is a particular focus on the consequences that the adherence to this new scenario will produce in terms of new and better urban organisation (mobility, public spaces, urban common goods) and the general well-being of local communities.

Attention will be focused, in particular, on a critical and documented assessment of the capabilities demonstrated by these cities to govern processes of urban and territorial transformation originating from this crisis. Above all the section will look at the repercussions of these policies on the organisation and effectiveness of urban welfare in terms of safeguarding, caring for and producing new urban commons and improving the collective, just and equitable welfare of inhabitants (BES, ISTAT, 2017).

This evaluation, rarely attempted in the analysis of urbanism and urban events in these cities, is also tied to a new observation of the present and the future, to the new perspectives that appear to be on offer to cities with the ability to accept the challenge of overcoming the current model of development. A model still substantially founded on the massive use of non-renewable resources, on urban land consumption and on processes of accumulating land and real estate revenues, parasitic and often within illegal or even criminal situations, or restricted to a national and international elite, which must be shifted toward an idea of well-being that pursues equity and sustainability.

La sezione prova a mettere sotto osservazione l'esperienza svolta negli ultimi tre decenni (1990-2018) - in termini di politiche, piani, progetti attuati o realizzati - dalle città della regione adriatica balcanica attraversate dai processi di transizione all'economia di mercato (area balcanica) e dalla crisi economica internazionale, e al modo in cui le stesse città si stanno attrezzando verso il traguardo della transizione dell'era post fossile e dell'adeguamento al cambiamento climatico. L'attenzione è rivolta, in particolare, alle conseguenze che l'adesione a tale nuovo scenario - l'abbandono delle fonti energetiche di origine fossile, all'interno di un contrasto diffuso al cambiamento climatico realizzato dalle città e nelle città, anche in contrasto alle politiche nazionali, come dimostra il caso americano - potrà produrre in termini di nuova e migliore organizzazione urbana (mobilità, spazi pubblici, beni comuni urbani) e delle comunità locali.

Lo sguardo, in particolare, è indirizzato ad una valutazione critica e documentata sulle capacità già dimostrate dalle città negli anni passati nei tentativi di dare governo ai processi di trasformazioni urbana e territoriale originati da tale crisi, ma anche e soprattutto sulle ripercussioni di tali politiche sull'organizzazione e l'efficacia del welfare urbano in termini di salvaguardia, cura e nuova produzione di beni comuni urbani, e al miglioramento del benessere collettivo[1], equo e solidale degli abitanti.

Tale bilancio, raramente tentato nell'analisi delle vicende urbane e urbanistiche di tali città, si coniuga anche ad uno sguardo al presente e al futuro, riguardo alle nuove prospettive che sembrano offrirsi al governo delle città della regione adriatica balcanica che sapranno cogliere la sfida del superamento del modello attuale di sviluppo, ancora sostanzialmente impostato sull'uso massivo delle risorse non rinnovabili, sul consumo di suolo urbano e sui processi di accumulazione delle rendite urbane e immobiliari, parassitarie e spesso interne a circuiti illegali o addirittura criminali, o all'interno di ristrette elites, nazionali e internazionali, verso un'idea del benessere orientata all'equità e alla sostenibilità



  • SESSIONE/SESSION 3:

            PHENOMENA OF URBAN REGENERATION

           FENOMENI DI RIGENERAZIONE URBANA


Coordinators/Coordinatori: Prof. Lorenzo Pignatti, Prof. Domenico Potenza, DdA, Pescara

The territories and cities of the Balkan and Adriatic region (though not only) suffer from processes of abandonment and disuse and phenomena of transition between conditions of resilience and fragility. They are spaces whose previous uses have ceased, leaving behind voids or abandoned architectural carcasses. Former spaces of production, factories, ports or rail lands, but also voids created by migrations and separations, by social tensions or the legacy of conflicts. They are forgotten spaces that must become new sources of identity through shared and inclusive projects.

This section wishes to explore the processes transforming territories and cities in transition. It will present examples of modifications occurring through processes of urban renewal based on the interpretation of local contexts and architecture. This logic will be used to evaluate whether traditional urban design can still have meaning in a situation that requires the introduction of new paradigms and comparisons. Processes of transformation must show an increasing interest in networks of public spaces and infrastructural networks, both green and for mobility, to create new strategies able to trigger virtuous processes that can activate new economies and social relations.

The section also wishes to compare processes and projects that are sensitive toward their contexts, but also innovative and experimental when exploring the idea of a smart city/smart land able to substitute traditional economies with more innovative ones linked to green economies and knowledge economies.

Session Topics:

- Urban mappings, reading and interpretations of context

- Urban regeneration of fragile territories

- Urban regeneration of post-conflict territories

- Environmental and sustainable programmes for urban contexts

- Smart Cities, Smart Land, green economies programmes

- Culture and knowledge in favour of urban recovery, Knowledge Economies

- "Re-Stitching Peripheries"

- Housing: social housing, co-housing and the recovery of existing residential stock

- Abandonment: industrial, infrastructural, environmental

I territori e le città della regione balcanica ed adriatica (ma non solo) sono soggetti a processi di abbandono e disuso, a fenomeni di transizione tra condizioni di resilienza e fragilità. Si tratta di luoghi in cui i precedenti usi sono cessati lasciando vuoti o carcasse architettoniche in abbandono. Sono vuoti che un tempo erano aree produttive, industriali, portuali o ferroviarie ma anche vuoti creati dalle migrazioni e dalle separazioni, dalle tensioni sociali o dall'eredità dei conflitti. Sono luoghi dell'oblio che devono mirare a diventare nuovi luoghi identitari attraverso progetti condivisi ed inclusivi.

Questa sessione vorrà affrontare i processi di trasformazione dei territori e città in transizione e presentare i casi in cui queste si stiano modificando attraverso dei processi di rigenerazione urbana basati sull'interpretazione dei propri contesti ed architetture. In questa logica valuteremo se il progetto urbano tradizionale possa ancora avere un significato in una condizione in cui occorre introdurre nuovi paradigmi e confronti. Infatti, i processi di trasformazione devono sempre di più interessare le reti degli spazi pubblici e le reti infrastrutturali, sia verdi che della mobilità, per creare nuove strategie che possano innescare dei processi virtuosi che siano in grado di attivare nuove produzioni e e relazioni sociali.

Questa sezione vorrà mettere a confronto processi e progetti che siano sensibili ai propri contesti ma anche innovativi e sperimentali per ciò che riguarda l'idea di una smart city/smart land che possa sostituire le economie tradizionali con quelle innovative legate alle green economies e knowledge economies.

Temi della Sessione

- Mappature urbane, letture ed interpretazione dei contesti

- Rigenerazione urbana nei territori della fragilità

- Rigenerazione urbana nei territori post-conflitto

- Programmi ambientali e sostenibili per contesti urbani

- Smart Cities, Smart Land, programmi di green economies

- Cultura e conoscenza per il recupero urbano, Knowledge Economies

- "Il rammendo delle periferie"

- Il tema della residenza: social housing, co-housing e recupero edilizia residenziale

- Il tema dell'abbandono: industriale, infrastrutturale, ambientale



  • SESSIONE/SESSION 4

            SUSTAINABLE TECHNOLOGICAL DIMENSIONS TOWARDS A NON-FRAGILE HABITAT

            LE DIMENSIONI TECNOLOGICHE SOSTENIBILI PER UN HABITAT NON FRAGILE


Coordinators/Coordinatori: Prof. Michele Di Sivo, Prof. Filippo Angelucci, DdA, Pescara

The multiple conditions fragility found in human and natural habitats are not only the result of climatic, humanitarian and cultural "crises" that now involve forms of settlement. They are above all the result of an incorrect use of technical resources and a progressive loss of the ability to assign durable values, both collective and individual, to natural, human and cultural resources. In the long term, if not adequately resolved or reduced through appropriate solutions, these fragilities can cause serious vulnerabilities in the cities and territories we will leave as a legacy to future generations.

The fourth session of the IFAU 2018 Forum proposes a reflection on the multiple technological dimensions of designing to re-establish coherent, balanced and harmonious relationships between building techniques, human, social and natural resources.

The session will explore the transition toward a new design culture based not only on the idea of change, but founded on three necessary technological metamorphoses: theoretical-conceptual paradigms, methodological approaches and the use of resources.

Through studies, research and design experiments, conducted not only in the Adriatic-Balkan Euroregion, participants will discuss the reasons and methods of introducing sustainable technological innovations to reposition the economic values of the environment at the centre of human thought and actions and confront the fragilities of architecture, cities and territories.

Session topics:

- The metamorphosis of design thinking and the sustainable use of technical resources for a less fragile habitat

- Theories and concepts in favour of interdisciplinary and trans-scalar design for a non-fragile habitat

- Methodological Innovations for fostering the capability, smartness and healthiness of anti-fragile socio-ecological systems

- New boundaries of trans-frontier scientific research for the reduction of habitat fragility

- Process technologies for promote and transform habitats in a resilient, adaptive, flexible and inclusive manner

- Enabling technologies for the development of adaptability and resilience to on-going changes

- Technological innovations to reduce the fragilities of built and natural environments

- Specifications of design quality for facing up to climate, geological, energetic and socio-economic changes

- Advanced design experiments that favour an anti-fragile regeneration of cultural, social and natural capital

I molteplici stati di fragilità, riscontrabili nell'habitat antropizzato e naturale, non sono solo l'esito delle "crisi" climatiche, umanitarie e culturali che ormai coinvolgono tutte le realtà insediative. Sono soprattutto il risultato di un errato impiego delle risorse tecniche e di una progressiva perdita di capacità nell'attribuire valori duraturi, collettivi e individuali, alle risorse naturali, umane e culturali. Tali fragilità, nel lungo periodo, se non adeguatamente risolte o ridotte attraverso soluzioni appropriate, possono comportare nelle città e nel territorio gravose vulnerabilità che lasceremo in eredità alle generazioni future.

Su questi temi, la quarta sessione del Forum IFAU 2018 propone una riflessione sulle molteplici dimensioni tecnologiche del progettare per ristabilire relazioni coerenti, equilibranti e armoniche fra tecniche costruttive, risorse umane, sociali e naturali.

La sessione approfondirà il passaggio verso una cultura progettuale non basata solo sull'idea del cambiamento, ma fondata su tre necessarie metamorfosi tecnologiche riguardanti: i paradigmi teorico-concettuali, gli approcci metodologici, le modalità d'utilizzo delle risorse.

Attraverso studi, ricerche e sperimentazioni, condotte nell'Euroregione Adriatico-Balcanica ma non solo, ai partecipanti si chiederà di entrare nel merito delle ragioni e delle modalità d'impiego sostenibile delle innovazioni tecniche, per ricollocare i valori economici dell'ambiente al centro del pensare e dell'agire umano e affrontare le molte fragilità dell'architettura, della città e del territorio.

Temi della Sessione:

- Le metamorfosi del pensiero progettuale e l'impiego sostenibile delle tecniche per un habitat meno fragile

- Teorie e concetti per la progettualità interdisciplinare e trans-scalare per l'habitat non fragile

- Le innovazioni metodologiche per la capability, smartness e healthiness di sistemi socio-ecologici anti-fragili

- Le nuove frontiere della ricerca scientifica transfrontaliera per la riduzione delle condizioni di fragilità dell'habitat

- Le tecnologie di processo per valorizzare e trasformare l'habitat in senso resiliente, adattivo, flessibile e inclusivo

- Le tecnologie abilitanti per lo sviluppo di capacità di adattamento e resilienza ai cambiamenti in atto

- Le innovazioni tecnologiche per la riduzione delle fragilità dell'ambiente costruito e naturale

- Le declinazioni della qualità progettuale a fronte delle mutazioni climatiche, geologiche, energetiche, socioeconomiche

- La sperimentazione progettuale avanzata per la rigenerazione anti-fragile del capitale culturale, sociale e naturale